Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:14 METEO:PIOMBINO23°26°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
mercoledì 29 giugno 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Assalto a Capitol Hill, Cassidy Hutchinson: «Trump sapeva che i manifestanti erano armati»

Lavoro giovedì 23 giugno 2022 ore 21:56

“Garantire sicurezza nelle operazioni di scarico”

Dalla Rsu della Piombino Logistics la denuncia per le operazioni di scarico della nave Sea Falcon carica di semiprodotti siderurgici



PIOMBINO — Si sono concluse nei giorni scorsi, con grande difficoltà, le operazioni di scarico della nave Sea Falcon, carica di semiprodotti siderurgici destinati ai treni di laminazione dello stabilimento Jsw, operazioni rese possibili solo grazie alla professionalità e responsabilità dei lavoratori di Piombino Logistics.

“Il carico, proveniente dall’India, era composto da billette per il Tmp (treno barre), per il Tve (treno vergella) e barre a profilo circolare per Gsi. - ha spiegato la Rsu Fim Fiom Uilm Piombino Logistics - Se il carico delle billette era ben stivato, garantendo i necessari standard di sicurezza dei lavoratori, altrettanto non può dirsi del carico delle barre. Un carico ad una altezza in alcuni punti decisamente eccessiva e rischiosa per chi opera in stiva”.

Ancora una volta, nonostante i ripetuti allarmi lanciati dai lavoratori, Rls e organizzazioni sindacali Fim Fiom Uilm, come già lo scorso anno, nonostante le rassicurazioni da parte dell’azienda che avrebbe preteso da chi carica la nave il rispetto dei criteri minimi di sicurezza per chi poi dovrà scaricare, ancora una volta i lavoratori hanno dovuto caricarsi di responsabilità inaccettabili.

“Una situazione che non dovrà più ripetersi, a costo di chiedere un sopralluogo degli enti preposti, per la salvaguardia della sicurezza personale dei lavoratori operanti sul porto, a prescindere dalla divisa da essi indossata. - hanno proseguito - Tutti i lavoratori sono orientati a risolvere i problemi, ma un pericolo è un pericolo per chiunque a prescindere dal contratto o dalla società per cui operano. Sarebbe sufficiente che la committente si impegnasse con diligenza nel controllo, fin dall'inizio del carico, pretendendo dal fornitore che questa operazione avvenisse in maniera corretta, usando i migliori metodi e materiali idonei per lo stivaggio”.

“A nostro avviso spendere in sicurezza non è un costo aggiuntivo o un problema, ma un un alto valore aggiunto nel processo produttivo. - hanno concluso - Siamo convinti che la soluzione del problema debba essere trovata intervenendo a monte e non, in maniera estemporanea. L'azienda non può nascondersi dalle proprie responsabilità scrivendo una semplice lettera di protesta rivolta al fornitore colpevole del mancato rispetto dei criteri di sicurezza richiesti. Ripetute lettere di protesta che, ormai è constatato, hanno scarsi effetti pratici”.

E hanno concluso: “L'azienda deve impegnarsi, con serietà e efficacia, affinché venga garantita la massima sicurezza ai propri dipendenti. Il tempo delle promesse e delle scuse più o meno convincenti per noi è scaduto, per questo chiediamo atti concreti di responsabilità a chi ha, secondo noi, l'obbligo di agire”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
È questo il bilancio dei contagi accertati nelle ultime 24 ore in base al bollettino giornaliero regionale della Toscana
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Ciro Vestita

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Sport

Attualità

Cronaca

Politica