Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:18 METEO:PIOMBINO11°18°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
venerdì 23 aprile 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Ornella Vanoni: «A Draghi dedicherei ‘Domani è un altro giorno'» e canta in diretta tv

Attualità lunedì 01 marzo 2021 ore 14:05

I manifesti restano, in piazza per la legge 194

I manifesti affissi

I manifesti che hanno scosso l'opinione pubblica non saranno oscurati. Organizzate iniziative per ribadire l'importanza della legge sull'aborto



PIOMBINO — Dal dibattito molto acceso che ha animato questi giorni rispetto alla campagna Pro Vita e Famiglia, molti cittadini si sono organizzati per manifestare a difesa della legge 194 con un presidio dalle ore 17 in piazza Verdi a Piombino o con una foto postata su Facebook con la scritta Libere di scegliere.

"Scendiamo in piazza per ribadire l'importanza della legge 194 e del diritto di scelta e di autodeterminazione di ogni donna. - si legge sulla pagina Facebook relativa all'evento - I manifesti affissi in città sono offensivi e lesivi della dignità e delle sensibilità di tutte le donne. Non permettiamo a movimenti oscurantisti di mettere in discussione le nostre scelte e il nostro diritto di gestire il corpo come vogliamo. Non diteci cosa dobbiamo fare!".

A chi chiedeva di oscurare i manifesti, arriva a mezzo social la risposta del sindaco di Piombino Francesco Ferrari.

"I manifesti del movimento Pro Vita hanno suscitato una polemica molto sentita a Piombino. Tengo a precisare che personalmente sono fermamente convinto che la legge 194 sia una conquista della libertà delle donne di gestire il proprio corpo e la propria vita. Una conquista delle donne e degli uomini di questo Paese. A coloro che accusano questa Amministrazione di non aver operato alcuna censura su quei manifesti, ricordo che i principi fondamentali della nostra Costituzione, sulla quale ho giurato, sanciscono la libertà di pensiero e di espressione e impediscono di oscurare e censurare ogni manifestazione di idee, a meno che non si tratti di casi espressamente vietati dalla legge. Come Amministratore, poi, sono chiamato ad applicare le norme che il legislatore detta e, in molte materie, la competenza è esclusiva prerogativa del Parlamento. Per tornare alla questione dei manifesti, infine, mi trovo costretto a chiarire quella che reputo una ovvietà: la vicinanza dei manifesti Pro Vita a quelli della campagna del Comune contro gli abbandoni è frutto della casualità. Ogni altra considerazione è illazione in malafede".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Da domenica 25 Aprile dall'incrocio con Viale Amendola fino a via Salivoli la strada sarà chiusa al traffico veicolare
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

CORONAVIRUS