Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 07:00 METEO:PIOMBINO12°15°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
domenica 04 dicembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Com'è andare in bicicletta a Milano? Il nostro giro tra ciclabili, interruzioni, auto in sosta, pavé e cantieri

Lavoro venerdì 28 gennaio 2022 ore 20:00

Jsw, i sindacati iniziano il conto alla rovescia

A pochi giorni dal termine della proroga per la Due Diligence, Fim, Fiom e Uilm incalzano la riapertura del caso Piombino a tutti i livelli



PIOMBINO — Tra pochi giorni si concluderà la proroga dei due mesi accordata dal Ministero dello sviluppo Economico per tentare di concludere positivamente la Due Diligence tra Jsw ed Invitalia e permettere l'ingresso dello Stato nel capitale sociale della Ex Lucchini di Piombino.

"In questi due mesi il solo obiettivo raggiunto fin'ora è stata la firma per la proroga di ulteriori 12 mesi di Cassa Integrazione per tutti i lavoratori. - hanno segnalato le organizzazioni sindacali Fim, Fiom e Uilm - Tutti chiediamo ed abbiamo come obiettivo il lavoro e non dei sussidi, ma questa ulteriore proroga è comunque necessaria per sostenere migliaia di famiglie in attesa che la politica faccia la propria parte. Difficile immaginare un'economia del nostro comprensorio che al momento possa fare a meno delle risorse derivanti dagli stipendi e dalla Cassa Integrazione dei lavoratori dell'acciaieria piombinese, risorse valutate complessivamente abbondantemente sopra i 40 milioni di euro".

"Questa proroga e questo ulteriore tempo a disposizione dovrebbe essere ben utilizzato dalla politica per dare una prospettiva ed un futuro allo stabilimento ed alle oltre 1600 famiglie coinvolte, con o senza Jindal, senza mai dimenticarsi che questo è l'unico sito in Italia dove si producono rotaie. - hanno evidenziato i sindacati - Nel Pnrr sono state assegnate risorse per 1,55 miliardi di euro al potenziamento delle ferrovie e, a meno che non si vogliano importarle perdendo anche questo prodotto strategico, occorre salvaguardare ed investire nel treno di laminazione piombinese. Molta la preoccupazione anche per l'impianto di sfere della Gsi, azienda satellite del gruppo Jsw Steel Italy, che continua a marciare spedita con un discreto pacchetto ordini, ma della quale è stato creato in India un impianto gemello. Temiamo che oltre a sfruttare gli impianti su cui mai sono stati fatti gli investimenti necessari, la proprietà stia valutando di delocalizzare queste produzioni".

"Ancora ferme le bonifiche, da sempre annunciate ma mai partite, con impianti ormai dismessi che diventano ogni giorno che passa ancor più pericolosi e nocivi. - hanno evidenziato Fim, Fiom e Uilm - Ma sembra che non esistano in questo Paese altri problemi oltre la nomina del Presidente della Repubblica. Eppure la forte crescita del costo del Gas e dell'Energia sta mettendo a rischio anche la sopravvivenza di molte aziende oltre a mettere in difficoltà le famiglie italiane; abbiamo un'inflazione prevista al 3% che potrebbe produrre una maggiore spesa annua per le famiglie di circa 1200 euro; abbiamo decine e decine di crisi industriali che spesso dopo anni di promesse si risolvono da sole con la chiusura ed il licenziamento dei lavoratori, come negli ultimi casi drammatici della Ex Embraco e della Whirpool".

"A Piombino siamo ancora in attesa dell'incontro richiesto da Fim, Fiom e Uilm al vice presidente Marco Carrai per avere aggiornamenti sullo stato della trattativa e sul Piano Industriale su cui la proprietà indiana dice di star lavorando ma soprattutto, essendo alla scadenza prefissata dal MiSe, attendiamo la convocazione annunciata dal prof. Stefano D'Addona, responsabile della segreteria tecnica del vice ministro Todde, e dal coordinatore della struttura per le crisi d'impresa Luca Annibaletti. Non è più nemmeno chiaro il ruolo di ciascun soggetto istituzionale nella nostra vertenza".

In merito alle notizie diffuse dalla stampa nazionale relative all’interessamento di altri gruppi industriali al sito piombinese, per i sindacati “sarebbe necessario capire cosa c'è di realmente concreto e nel caso di conoscerne eventualmente le volontà”.

“Il silenzio in cui è ripiombata la vertenza è davvero assordante, - hanno concluso i sindacati - non solo da parte delle Istituzioni Nazionali, ma anche dal presidente della Regione Toscana e da parte di tutta l'Amministrazione comunale che solo sporadicamente si esprimono sulla principale vertenza Toscana, probabilmente cercando di starci quanto più possibile lontani, lasciando la bomba sociale solo nelle mani delle organizzazioni sindacali, dimenticandosi delle promesse e Accordi di Programma da loro siglati”.

Nei prossimi giorni sarà convocato il Consiglio di Fabbrica ed in assenza di risposte saranno valutate eventuali iniziative necessarie a capire a che punto sia la Due Diligence e l'annunciato Piano industriale.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno