Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 13:21 METEO:PIOMBINO19°24°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
venerdì 07 ottobre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
La finlandese Sanna Marin: «La via d'uscita dalla guerra? È una sola»

Lavoro lunedì 09 maggio 2022 ore 20:17

“Così lo stabilimento è finito”

Camping Cig

Camping Cig: “L'unico interlocutore torna a essere Jsw, a cui si chiede per l'ennesima volta il piano industriale fingendo di credergli”



PIOMBINO — “Non si fanno bonifiche, ma si smantella solo il rottame che si vende e porta lucro immediato. Invece, si dovrebbe partire dalla cokeria che continua a inquinare la città, mentre il sindaco non emana l'urgentissima ordinanza di demolizione a carico di Jsw. Si commissiona il lavoro a ditta esterna, senza utilizzare lavoratori locali come previsto nell'accordo di programma”. Parole del coordinamento Art. Camping Cig alla notizia dell’intenzione dell’azienda Jsw di demolire l’altoforno.

“Con l'abbattimento dell'Afo si cancella qualsiasi moderno progetto di archeologia industriale, insieme alla memoria storica secolare di intere generazioni operaie, come ricordava Ivan Tognarini”, hanno proseguito ponendo la lente sullo stallo della vertenza Jsw.

“Appare sbagliatissimo che non si pretenda l'ingresso dello Stato nella proprietà delle acciaierie, come a Taranto. - hanno spiegato - Così l'unico interlocutore torna ad essere Jsw, a cui si chiede per l'ennesima volta il piano industriale, fingendo di credere che faccia gli investimenti e persino il forno elettrico. Intanto, emerge sempre più il problema degli esuberi di cui nessuno, o quasi, ha il coraggio di parlare; serviranno invece pure uscite volontarie incentivate, prepensionamenti, ecc. Stando così le cose, lo stabilimento è finito. Né basterà certo a salvarlo l'eventuale assegnazione della commessa rotaie Rfi, per la quale, inoltre, solo 24 ore prima della presunta assegnazione si chiede di porre delle condizioni a Jsw; comunque, essa significherebbe lavoro solo per alcuni mesi all'anno, solo per il Tpp. Poi, si scopre addirittura che tutto è rinviato a data da destinarsi: un balletto offensivo per i lavoratori, i sindacati e il territorio. E' un gravissimo errore da parte di sindacati e istituzioni non porre il ruolo decisivo dello Stato come obiettivo prioritario su cui imbastire lotte e iniziative. - e hanno concluso - Non dobbiamo accettare che Piombino per lo Stato serva solo ad accogliere rifiuti e magari anche un bel rigassificatore, il quale metterebbe la parola fine anche alla tanto auspicata diversificazione economica e occupazionale, quella sì indispensabile”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La Guardia di Finanza ha posto la lente sulle attività di tutta la provincia dall’Elba a Livorno, passando per Piombino, Castiglioncello e Cecina
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

RIGASSIFICATORE

Attualità

Cultura

RIGASSIFICATORE