Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 14:47 METEO:PIOMBINO21°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
giovedì 28 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Casellati contro Santangelo (M5S): «Lei è un grande maleducato, io l'ammonisco

Lavoro lunedì 05 luglio 2021 ore 22:04

Jsw, “basta passerelle e gite fuori porta”

Bandiere Ugl

La segreteria provinciale Uglm ha contestato la decisone di Fim, Fiom e Uilm di manifestare al Mise. “Deve essere Roma a dover venire a Piombino”



PIOMBINO — “Basta andare a Roma a fare passerelle elettorali e gite fuori porta. Le iniziative devono essere fatte a Piombino e devono essere forti, come blocchi stradali e delle portinerie, come Uglm ha proposto anche nelle assemblee”. 

Cosi la segreteria provinciale Uglm è intervenuta in merito alla manifestazione promossa da Fim, Fiom e Uilm al Ministero dello sviluppo economico a Roma.

“Farle a Piombino favorirebbe anche la partecipazione dei lavoratori. - hanno proseguito - Non è Piombino che deve andare a Roma, deve essere Roma a dover venire a Piombino. E questo può avvenire solo con importanti e forti iniziative, a costo di creare anche disagi alla città. Abbiamo sempre sostenuto che l’unica strada percorribile è quella di unire le forze per portare la vertenza Piombino alla ribaltata nazionale. E se Piombino vuole salire alla ribalta nazionale deve farsi sentire. Si pensa forse che qualche pullman a Roma possa attirare l’attenzione dei Palazzi?”.

“In questi mesi Uglm ha fatto ripetuti appelli all’unità, alla convergenza, alla assunzione di responsabilità. - hanno proseguito - Abbiamo partecipato ad ogni iniziativa, al presidio di quasi 70 giorni davanti alla portineria centrale, con Fim, Fiom e Uilm, al presidio in piazza Cappelletti con Camping Cig, Usb e Cobas, alla manifestazione davanti al Comune, portando anche i nostri rappresentanti nazionali. Abbiamo ritenuto e riteniamo tutt’ora, che si può uscire da questa drammatica situazione tutti insieme, Sindacati, Istituzioni, lavoratori, cittadini. Riteniamo di aver agito con coscienza, con intelligenza e con senso di responsabilità. E continueremo a farlo, convintamente. Tuttavia, siamo costretti a constatare che alcuni preferiscono andare per conto proprio, da soli e senza confrontarsi con nessuno. Pensando di gestire una vertenza così importante e così complicata, in autonomia e dicendo ancora una volta che chi non è d’accordo con loro ‘si faccia le proprie iniziative’. Si decide di andare a Roma senza confrontarsi con altre realtà sindacali, senza aprirsi al confronto con associazioni e cittadini, senza coinvolgere la città nella mobilitazione, commettendo ancora una volta gli stessi errori. La gestione in autonomia della vertenza ha portato dopo 7 anni al disastro attuale”.

“Per questi motivi e perché riteniamo che le iniziative vadano fatte a Piombino contro una multinazionale che sta tenendo in ostaggio il territorio, e non altrove, almeno in questa fase, come Uglm non saremo presenti a Roma il 7 Luglio prossimo, in quella che consideriamo una ennesima passerella ad uso e consumo di qualche politico che la userà per farsi bello sulla nostra pelle”, hanno concluso.

Nei giorni scorsi anche il Campig Cig ha comunicato che non avrebbe aderito all’iniziativa.

Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
E' il prolungamento della strada statale 398 per raggiungere il porto. La durata dei lavori stimata è di circa 4 anni
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nadio Stronchi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Sport

Attualità