Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:30 METEO:PIOMBINO10°13°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
mercoledì 07 dicembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Milano, i tifosi del Marocco festeggiano il passaggio ai quarti

RIGASSIFICATORE sabato 29 ottobre 2022 ore 07:00

"Piombino non idoneo a ospitare questi impianti"

Il porto di Piombino

In una presentazione del professor Piero Morpugno è intervenuto sui possibili incidenti alle navi che trasportano Gnl



PIOMBINO — Durante il dibattito sul rigassificatore nel porto di Piombino, molte volte si è parlato di garanzie di sicurezza e rischi di incidenti. La documentazione presentata da Snam e le successive rassicurazioni hanno evidenziato possibilità remote.

Sull'argomento è intervenuto il professor Piero Morpugno che da storico della scienza ha preso in considerazione i possibili incidenti alle navi che trasportano Gnl. 

"Non è vero che non ci siano stati eventi tragici: - ha evidenziato - il progetto Galerne, finanziato dal Ministero della Ricerca francese evidenzia che dal 1999 al 2005, fonte registro dell'assicurazione Lloyd, ci sono stati 13 incidenti gravi o gravissimi per navi Gnl e 94 per navi che trasportavano gas (p. 294) circa il 10% delle navi circolanti!".

"In molti casi c'è stato un rogo di parecchi giorni con necessità di rimorchio della nave al largo e conseguente affondamento. - ha spiegato - Nel 2021 l'azienda australiana del gas ha risposto ai quesiti del governo dichiarando: è meglio collocare le navi di rigassificazione tenendo conto delle correnti e considerando che lo scarico di acqua con cloro può essere inquinante. In particolare si evidenzia che nel caso di una collocazione onshore sarebbe auspicabile una serie di vasche per la decantazione delle acque inquinanti pari a una capienza di 234.000 tonnellate ogni 12 ore". 

"Una considerazione finale. - ha proseguito - Quando ero bambino gli zii discutevano animatamente sulla diga del Vajont: non può cadere, nessuna diga ha provocato vittime; no è pericolosa. Sappiamo come è andata. Le fonti sugli incidenti alle navi Gnl sembrano non riferire di vittime. In realtà un rapporto della Commissione Europea riferisce di numerosi incidenti, avvenuti tra il 1964 e il 2016, con morti. Il più grave fu quello di San Juan in Messico del 1984 con almeno 600 morti e 7000 feriti". 

Il professor Morpugno ha poi segnalato l'incidente del 2015 nel porto di Barcelona e l'esplosione di una nave gassiera del 2019.

Elementi questi, che hanno spinto il professor Morpugno a ritenere che "un contesto urbano come quello di Piombino non è idoneo a ospitare impianti di questo tipo".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Torna a salire molto il bilancio dei contagi accertati nelle ultime 24 ore in base al monitoraggio giornaliero della Regione Toscana
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Pierantonio Pardi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità