Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 07:00 METEO:PIOMBINO19°23°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
domenica 01 ottobre 2023
Tutti i titoli:
corriere tv
I pompieri avanzano nell'incendio della discoteca di Murcia: il fuoco tra i tavoli e il bancone del bar

Lavoro martedì 03 luglio 2018 ore 11:52

"Serve uno sprint per rilanciare il territorio"

Otto linee guida nel documento della Confederazione Cgil e delle categorie. Richiesta la convocazione immediata della cabina di regia



PIOMBINO — Un futuro per Piombino e la Val di Cornia? Per la Confederazione Cgil e le categorie è possibile ma servono delle linee guida ben preciso. Ecco allora la sottoscrizione di un documento nel quale si chiede la convocazione immediata della cabina di regia e la revisione dell'Accordo di programma per fare il punto non solo sull'acciaio ma anche su infrastrutture, portualità, formazione, sostenibilità ambientale.

Nel documento titolato Un futuro per Piombino e la Val di Cornia sono 8 i punti fondamentali: pressing sul progetto Jsw e garanzia su occupazione, ammortizzatori sociali salvaguardia dell'indotto; chiarire le linee di sviluppo del territorio e in linea con le richieste delle aziende, un'opportuna e adeguata formazione per un'efficace riqualificazione professionale propedeutica all'intesa di riassorbire i lavoratori dell'indotto; riflettori accesi su concessioni pubbliche delle aree demaniale e portuali; stop ai finanziamenti a pioggia, preferendo piuttosto interventi mirati e un monitoraggio costante con le rappresentanze dei lavoratori in grado di massimizzare l'impatto occupazionale; focus su bonifiche e rifiuti; infrastrutture, logistica e portualità devono essere assi fondamentali, serve in particolare una scossa sulla 398 e sulla bretella di collegamento allo svincolo Capezzolo; sul fronte energia bisogna aprire una discussione per la sua produzione per restare competitivi; infine, per quanto riguarda la sanità assoluto no alla dismissione e al depotenziamento dei servizi pubblici in generale.

"Chiediamo che si riunisca in tempi brevi la cabina di regia dell'accordo di programma finalizzata all' aggiornamento e revisione dell'accordo, puntando sul futuro della zona, rivendicando risorse economiche certe e tempi certi di realizzazione degli interventi, non possiamo continuare ad assiste a rinvii e ritardi. - hanno ribadito - Ognuno faccia la sua parte e si assuma le responsabilità in trasparenza e chiarendo investimeni proposte percorsi. Siamo pronti a mobilitarci in assenza di risposte". 


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Bartolini replica a Fratelli d’Italia: “Critiche inasprite perché promesse a nulla sono servite”. Leoni fa scudo sull’attività del comitato
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Blue Lama

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

RIGASSIFICATORE

Sport