QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 10°13° 
Domani 14° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
martedì 12 novembre 2019

Politica martedì 23 luglio 2019 ore 15:56

Pd, "servono energie, volti e prospettive nuove"

Dal Circolo Berlinguer l'auspicio di un percorso di ricostruzione nel partito. Congresso territoriale o commissariamento? Non ora



PIOMBINO — Si è svolta l'assemblea degli iscritti Pd con all'ordine del giorno la situazione politica nazionale, territoriale ed una approfondita analisi del voto delle trascorse amministrative. A renderlo noto il Circolo Berlinguer di Piombino dopo la riunione di giovedì 18 Luglio.

"Benchè le convocazioni siano state divulgate a più di duecento iscritti di cui vanta lo storico circolo non vi è stata una elevatissima partecipazione che non ha però impedito lo svolgersi dell’assemblea in modo civile e costruttivo. - si legge nel documento prodotto - Punto cardine dopo la grande sconfitta elettorale del nostro Partito sul Comune di Piombino è l’estrema e sentita voglia di riscatto e di riaggregazione che è emersa dalla discussione".

A livello locale "l’evidente disgregazione sociale provocata dall’attualissima crisi socioeconomica sul nostro territorio, la perdita della conduzione dei quartieri nel periodo di insediamento della scorsa amministrazione, un partito logorato da contrasti di corrente interni ed una amministrazione competente ma non così presente nel tessuto sociale hanno determinato la perdita di fiducia nella trazione di centro sinistra. Riteniamo opportuno tralasciare la campagna denigratoria e pressante sull’operato delle precedenti amministrazioni edificata da una rampante destra reazionaria, poiché crediamo che è da noi che dobbiamo ripartire e non da ciò che sono le nature degli altri. Su base nazionale - hanno aggiunto - sono molteplici le incertezze legate ad un governo che minaccia giornalmente una crisi ma che, nostro malgrado, con opportuni diversivi propagandistici riesce a far convergere ogni volta l’opinione pubblica su temi di distrazione, evitando così il giudizio dell’elettorato e la conseguente evidenza di incapacità governativa. A livello territoriale, in seguito alle dimissioni dei Segretari di Federazione ed Unione Comunale è emersa dalla discussione, la necessità di ritrovare una struttura solida, preparata e reinserita nel nostro complesso contesto sociale".

Orientarsi verso un congresso territoriale se non addirittura un commissariamento, secondo gli iscritti rappresenterebbe un ulteriore indebolimento del partito con conseguente in Consiglio comunale e in vista delle prossime elezioni regionali.

"Auspichiamo l'avvio di un percorso di ricostruzione di apertura e ricco di momenti di confronto, che ci porti però di qui ad un anno ad un congresso, un congresso vero con nuove energie, volti nuovi, prospettive nuove ed impostando finalmente una nuova classe dirigente che possa garantire continuità al magnifico progetto politico del Partito Democratico, al nostro comprensorio e non la solita inutile, dannosa conta tra correnti. - hanno proposto - Ci sono persone che si sono impegnate e messe in gioco per la campagna elettorale e vorremmo che entrassero a fare parte attiva del partito".

Quindi ripartire dai circoli, dai consiglieri di quartiere e dal sostegno ai consiglieri comunali che per la prima volta si trovano ad affrontare le sedi istituzionali dalla parte delle opposizioni. Di fronte a questa situazione "auspichiamo un ampio coordinamento tra i quattro circoli del Comune di Piombino in modo da coprire in modo completo e reale le esigenze effettive di chi ancora vuole un orizzonte per se stesso e per i propri figli secondo uno stereotipo sociale democratico, progressista, egualitario, effettivamente condiviso", conclude la nota.



Tag

Depistaggi Cucchi, parte civile su astensione giudice: «Questione di opportunità»

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Politica

Attualità

Cronaca