Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:02 METEO:PIOMBINO16°33°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
martedì 18 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Il caffè costa troppo e il cliente getta bicchiere in faccia alla cameriera. Che si vendica così

Attualità venerdì 27 luglio 2018 ore 15:40

Potenti (Lega): "Vigileremo sull'accordo"

L'on. Manfredi Potenti (Lega)

L'intervento del parlamentare sulla questione Acciaierie: "La Regione vuole tenere per sè il ruolo di coordinamento e controllo, ma finora ha fallito"



PIOMBINO — Una nota dell'On. Manfredi Potenti della Lega, Membro della II Commissione Giustizia della Camera dei Deputati, interviene oggi sulla questione acciaierie di Piombino.

"Mi permetto di intervenire - scrive Potenti -  sulla conclusione dell' accordo per il passaggio proprietario delle acciaierie di Piombino, o il rudere di ciò che ne rimane. È infatti viva la preoccupazione per il clamoroso errore commesso con la gestione Rebrab ed il conseguente prezioso tempo perduto. Preoccupazione, anche, per il ruolo che la Presidenza della Regione Toscana continua a volersi riservare nella conduzione della regia di questa vicenda. Un ruolo certamente mediatico e in cui le promesse e le visioni industriali corrono più veloci degli impegni contrattuali assunti dall' investitore, sino a parlare sulla stampa di ieri di "cose mai viste a Piombino". Effettivamente, il Presidente Rossi ha ragione, si riparte proprio da cose che non si sono sinora mai viste: come la ripartenza della produzione e le consguenti riassunzioni. Impegni che, se nuovamente disattesi, ci lascerebbero a fronteggiare una delle situazioni di tipo post-sovietico più gravi della storia contemporanea! Infatti, il territorio piombinese è stato lasciato completamente privo di qualsiasi alternativa economica all' industria così detta "pesante". Anche gli improvvidi investimenti sulle strutture portuali, fotemente voluti dalla giunta Rossi, assurgono anch' essi più alle mirabilanti imprese della storia coloniale che non a visioni di pragmatismo politico. La Regione intende riservarsi il ruolo di coordinamento e intende anche svolgere il ruolo di controllo: esattamente il modello che ha fallito in mezzo mondo; un modello da cui l' impresa ha storicamente sempre dimostrato di volersi smarcare. Sarà la Lega, questa volta, a vigilare seriamente, ed il completamento del nostro piano industriale prevede di giungere al più abbordabile 2020 ed operare lo smantellamento della politica del Presidente Rossi ridando ai territori lavoro vero e non promesse!"


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La nuova campagna di indagini archeologiche, con archeologi di Siena e Oxford, interessa l'area dell'acropoli di Populonia
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Erica Fiumalbi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Lavoro

Cronaca

Attualità

Attualità