QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 16°17° 
Domani 16°19° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
domenica 26 maggio 2019

Politica mercoledì 29 agosto 2018 ore 17:55

Pums, "piano ambizioso, nessun cenno alle risorse"

Riccardo Gelichi

Il consigliere Gelichi (Ascolta Piombino) non è per nulla convinto del documento promosso dall'assessore Capuano e rilancia sulla ciclabile a Baratti



PIOMBINO — Di ufficiale non c'è ancora nulla, ma il Piano urbano della mobilità sostenibile noto come Pums sta già ponendo molti interrogativi. I suoi contenuti a grandi linee sono stati illustrati dall'assessore Claudio Capuano alla Festa dell'Unità, ma non in via ufficiale in quanto la sua discussione e approvazione in Consiglio comunale per Ottobre.

Piste ciclabili, metropolitana di superficie, trasporto pubblico, aree di sosta, meno auto in centro e a Baratti, questi alcuni dei punti di forza del Pums  che come ha sottolineato il consigliere di Ascolta Piombino Riccardo Gelichi "girano da diversi anni sulla stampa". 

"Il Piano della mobilità sostenibile che l'Assessore Capuano sta presentando un po' ovunque, tranne alle forze politiche politiche di opposizione, circola da diversi anni sulla stampa in fase di esecuzione e finalmente ha preso forma. - ha aggiunto Gelichi - Casualmente siamo riusciti ad averne copia e ad una prima impressione, ci pare di aver visto la montagna che ha partorito il topolino. Ma c'è di peggio, il piano è ambizioso, prevede una rivoluzione in termini di nuove istallazioni di ciclabili e potenziamento della mobilità su navetta e trasporto pubblico, ma non c'è alcun cenno rispetto alle risorse disponibili, oppure un crono programma di attuabilità del piano". 

Una su tutte la questione viabilità e ciclabile a Baratti.

"Anche la lista Civica Ascolta Piombino ha proposto una ciclabile a Baratti e un contingentamento dei posti auto, ma anche la cessione delle Caldanelle al privato con sosta area camper attrezzata, parcheggio e servizi alla persona; quindi, attraverso gli oneri di urbanizzazione a carico del privato, la realizzazione della ciclabile; un approccio culturale, politico e oggettivo, completamente diverso, rispetto a questa maggioranza". 

"Piombino è ancora una città in erba sotto il profilo turistico, con gravi difficoltà infrastrutturali, sia viarie che ferroviarie; proporre in una realtà di profonda crisi economica un modello Helsinki, ci pare se non velleitario, del tutto inutile, sicuramente dannoso. Sulla questione della metropolitana di superficie, chi ha memoria ricorderà le discussioni dei Consigli del 2011, ci saremo aspettati almeno un passo in avanti in termini di attuabilità concreta. La sensazione è che davanti ad una baratro economico e sociale in cui sta versando Piombino, questa maggioranza si diletti a fare accademia copiando Svezia e Finlandia, salvo poi aggiungere sulla stampa che 'il Pums non è obbligatorio nella sua realizzazione..è un documento di indirizzo' (dichiarazione rilasciata al quotidiano Il Tirreno, ndr), insomma, noi ci abbiamo provato, poi fate come vi pare; un coraggio amministrativo inconsueto".



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Sport

Attualità

Politica

Attualità