Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:05 METEO:PIOMBINO18°21°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
venerdì 07 ottobre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Salvini ai suoi: «Chiederò per la Lega il ministero della famiglia e della natalità»

Politica martedì 14 giugno 2022 ore 16:38

Rigassificatore Piombino, "la Regione si opponga"

Irene Galletti, Emanuele Orlandini, Daniele Pasquinelli, Silvia Noferi

Le consiglieri regionali e i consiglieri locali 5 Stelle hanno presentato la mozione per chiedere al Consiglio regionale di esprimersi contro l'opera



PIOMBINO — Il Movimento 5 Stelle regionale si schiera contro il rigassificatore di Piombino e annuncia una mozione per chiedere al Consiglio regionale di esprimersi contro l’opera, calata dall’alto, senza alcun tipo di interlocuzione con il territorio, e che presenta importanti criticità dal punto di vista ambientale e della sicurezza. Alla conferenza stampa, organizzata dalle consigliere regionali del Movimento 5 Stelle Irene Galletti e Silvia Noferi, hanno partecipato anche i consiglieri comunali di Piombino Daniele Pasquinelli ed Emanuele Orlandini.

La mozione chiede alla Regione di attivarsi presso il Governo nazionale per scongiurare l’installazione di una nave gasiera all’interno del porto di Piombino, progetto che metterebbe a rischio di incidente rilevante l’intera popolazione, sottoponendo inoltre l’ambiente marino-costiero a forme di inquinamento insostenibile per la vita della fauna e della flora locali.

“Se facciamo un paragone con le aree di interdizione previste intorno alla nave gasiera di Livorno - hanno spiegato Galletti e Noferi - sono talmente vaste che se proviamo a proiettarle sulla carta nel porto di Piombino risulta chiaro che dovrebbe essere interdetta un’area che oltre alla città di Piombino comprenderebbe Baratti e l’estremità nord dell’Isola d’Elba, in un tratto di mare dove di solito transitano i traghetti turistici per l’arcipelago toscano".

Con l’atto le consigliere regionali sollevano anche la necessità di una maggior responsabilità in tema di politiche ambientali ed energetiche e chiedono alla Regione di “contrastare forme di finanziamento pubblico finalizzate all’importazione di gas estratto con la tecnica della fratturazione idraulica (fracking)”.

“Piombino è una città che da decenni aspetta un intervento del Governo per le bonifiche, per il completamento delle arterie stradali per l’accesso al porto turistico, per il rilancio della siderurgia e adesso il Governo, problemi atavici mai risolti, e adesso intende aggravare la situazione con una nave rigassificatrice e con lo specchietto delle allodole delle compensazioni?”, si domandano Galletti e Noferi.

“Non si può devastare un territorio calando dall’alto progetti di tale portata senza i dovuti approfondimenti tecnici e politici neanche in nome dell’emergenza nazionale. Lo spettro di una crisi energetica, in un Paese non autosufficiente come il nostro, poteva essere prevista con largo anticipo e scongiurata anni fa, ridurla ad interventi emergenziali ed inadeguati mortifica il ruolo della politica e crea un danno ai cittadini", hanno concluso.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La Guardia di Finanza ha posto la lente sulle attività di tutta la provincia dall’Elba a Livorno, passando per Piombino, Castiglioncello e Cecina
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Sport

Attualità