Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 09:31 METEO:PIOMBINO14°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
giovedì 22 febbraio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Il momento in cui si forma il gigantesco tornado che ha colpito l’isola di Giava

RIGASSIFICATORE giovedì 23 marzo 2023 ore 12:20

"Rivoluzionare le politiche energetiche nazionali"

Dopo l’approdo della nave Golar Tundra nel porto di Piombino, non si ferma la battaglia di Legambiente per abbandonare le fonti fossili



PIOMBINO — Legambiente è tornata a sottolineare la battaglia contro il rigassificatore di Piombino e contro tutti gli impianti per le energie fossili che il governo vuole installare. Una battaglia che non finisce con l’approdo della nave Golar Tundra nel porto di Piombino.

“Si tratta di una battaglia di lungo periodo sulle scelte del Governo. - ha dichiarato Adriano Bruschi, presidente Legambiente Piombino, Val di Cornia - Si vince se riusciamo davvero a rivoluzionare la politica energetica per fare in modo che le priorità strategiche siano: risparmio energetico, efficientamento del patrimonio edilizio, delle produzioni e dei consumi energetici nei trasporti, oltre all’affermazione massiva dell’impiantistica da fonti rinnovabili. Solo in questo caso, i rigassificatori diventeranno obsoleti, superati oggettivamente da una realtà in costante movimento.”

“Le potenzialità del risparmio, dell’efficientamento e delle produzioni rinnovabili sono enormi e non richiedono tempi lunghi. - ha aggiunto Fausto Ferruzza, presidente di Legambiente Toscana - Il problema sta tutto nella volontà politica di incentivare questa transizione e abbandonare le fonti fossili in ogni settore: nelle costruzioni, nella rigenerazione degli spazi pubblici, nei comparti industriali, in agricoltura, infine, nei trasporti”.

Come sottolineato da Legambiente in una nota, una transizione verso le fonti energetiche rinnovabili che vedrebbe l’Italia privilegiata grazie alle risorse offerte dalla posizione geografica nel Mediterraneo, con una lunghissima linea di costa, mari con venti costanti, e gradienti di esposizione al sole più favorevoli rispetto ad altri Paesi europei.

"Al di là del risultato dei ricorsi al Tar, avvenuto in una situazione di legislazione emergenziale, rimane fondamentale la pressione verso il governo e le istituzioni per una svolta verso le fonti pulite. Serve una vera transizione verso una società più equa e sostenibile, che produca più ricchezza consumando meno risorse e riciclando il più possibile. Al di là delle specificità relative ai singoli progetti, la battaglia è volta a promuovere le rinnovabili. Vorremmo dire basta a certo localismo autoreferenziale, che indebolisce il movimento, basta col rifiuto pregiudiziale all’installazione di rinnovabili, come accade a Piombino, in Toscana e nel resto del Paese. - ha sottolineato Adriano Bruschi - Ogni singolo progetto è perfettibile e chiediamo di entrare nel merito per apportare migliorie. Poi sta alla politica decidere sperando sempre che a prevalere sia il bene comune. Occorre infine trovare nuove alleanze anche tra chi intende difendere il lavoro rammentando che il gas importato ha comunque un costo enorme, se rapportato all’energia rinnovabile che invece rilancerebbe l’economia. Occorre unire tutte le forze sociali su obiettivi chiari e lungimiranti”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
"Ha lavorato bene soprattutto sui temi dello sviluppo economico della città, temi che ci stanno particolarmente a cuore"
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nadio Stronchi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Sport