Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 13:23 METEO:PIOMBINO19°22°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
martedì 04 ottobre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Il Prof. Parisi su Alain Aspect, John F. Clauser e Anton Zellinger vincitori del Nobel per la Fisica 2022: «Lavoro eccezionale per lo sviluppo del computer quantistico che cambierà la nostra vita»

Attualità mercoledì 23 gennaio 2019 ore 10:21

Salvaguardare i cetacei del Mediterraneo

Foto di archivio

Questo è l'obiettivo della campagna "Cetacei, FAI attenzione" che permette di segnalare gli avvistamenti nel Mediterraneo



PIOMBINO — Anche il Comune di Piombino si fa portavoce della campagna per salvare i cetacei del Mediterraneo. L'iniziativa è promossa da Fai e Istituto Tethys Onlus, con il supporto di Intesa Sanpaolo e in collaborazione con il Corpo delle Capitanerie di Porto - Guardia Costiera, che hanno presentato il progetto Cetacei, FAI attenzione per coinvolgere gli utenti del mare nella ricerca e conservazione dei cetacei del Mediterraneo attraverso la segnalazione di avvistamenti.

Il santuario Pelagos è un’area marina protetta di 87.500 km2 istituita nel 1999 da Italia, Francia e Principato di Moncaco per tutelare i cetacei del Mediterraneo ed è stato proposto come località di grande interesse nell’ambito dell’8° censimento de “I luoghi del cuore da non dimenticare” del Fai-Fondo Ambiente Italiano. Si estende dalla costa italo francese fino al nord della Sardegna e comprende Corsica e arcipelago toscano. Ne fanno parte non solo zone costiere ma anche vaste aree d’alto mare, con fondali che raggiungono i 2.500 metri di profondità. 

In queste acque si possono incontrare tutter le otto principali specie di cetacei del Mediterraneo, la balenottera comune, il capodoglio, il tursiope, la stenella striata, il globicefalo, il grampo, lo zifio e anche il delfino comune. 

Attraverso la pagina Segnala un avvistamento del sito www.cetaceifaiattenzione.it, possono essere inoltrati i dati degli avvistamenti, come data, ora, posizione, numero di animali, presenza di piccoli, compilando un apposito modulo. E' anche possibile caricare immagini fotografiche o brevi video che permettano ai ricercatori di convalidare l’identificazione della specie.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il presidente della Regione Toscana e commissario Giani ha spiegato che la procedura è in corso e i lavori potranno iniziare solo dopo il responso
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

RIGASSIFICATORE

Cronaca

Attualità

Attualità