Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 14:33 METEO:PIOMBINO25°32°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
giovedì 25 luglio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
La cucina, gli hangar, la sala designer: il “tetris” della base di Luna Rossa
La cucina, gli hangar, la sala designer: il “tetris” della base di Luna Rossa

Lavoro sabato 15 luglio 2023 ore 18:50

Sciopero Jsw, “dai sindacati ennesimo sbaglio”

Coordinamento Art. 1 - Camping Cig: “Manifestazione che divide i lavoratori, non ricostruisce l’unità tra città e fabbrica”



PIOMBINO — “Nel silenzio e nel disinteresse delle Istituzioni tutte: Governo, Regione, Comune, stiamo arrivando alla chiusura delle acciaierie di Piombino. Silenzio colpevole e assenza di iniziative anche di tutte le forze politiche. La colpa di questo ricade anche sulle Organizzazioni Sindacali maggioritarie, le quali in questi ultimi anni non hanno mai fatto vere lotte incisive, ottenendo solo la cassa integrazione, senza pretendere un vero piano industriale, per dare una prospettiva credibile allo stabilimento ed alle nostre vite lavorative. Ora la cassa integrazione finisce, ma soprattutto è a rischio il posto di lavoro, non solo di chi è fuori da quasi dieci anni in CIG, di ma anche quello di chi è dentro”.

Questa è la fotografia della situazione scattata dal coordinamento Art. 1 - Camping Cig.

“Fim-Fiom-Uilm hanno fatto passare più di un anno dall’ultima manifestazione pubblica; hanno organizzato elezioni sindacali ignorando elementari regole procedurali, per poi decidere unanimemente di ripeterle con la giustificazione che questo avrebbe permesso di tenere uniti i sindacati e i lavoratori. - hanno proseguito - Oggi compiono l’ennesimo sbaglio: si contraddicono e promuovono autonomamente per il giorno 19 una manifestazione che divide i lavoratori ed i sindacati e non punta sul serio a ricostruire l’unità tra città e fabbrica; unità indispensabile per vincere insieme, a partire dall’obbiettivo di installare il nuovo forno elettrico promesso e l’indispensabile nuovo treno rotaie lontano dall’abitato, per difendere il diritto al lavoro e alla salute di tutti, lavoratori e cittadinanza”.

“La manifestazione come prospettato doveva essere promossa dalle Rappresentanze Sindacali Unitarie e non escludere gli altri sindacati (USB, UGL, SLAICOBAS, ecc.) e gli operai che non sono iscritti ad alcun sindacato. - hanno evidenziato - Allora siamo noi del Camping Cig ad invitare comunque tutti i lavoratori indipendentemente da qualsiasi appartenenza sindacale ed orientamento politico a partecipare numerosi alla manifestazione del 19 Luglio. Ma lo facciamo e vi invitiamo a farlo per imporre obbiettivi chiari e realistici: via Jindal, lo Stato riprenda la guida delle acciaierie per un piano industriale capace di intercettare i finanziamenti del Pnrr e fare dello stabilimento di Piombino il punto di riferimento di Ferrovie Italiane e quindi: nuovo treno di laminazione rotaie, investimenti su nuove lavorazioni a valle degli altri laminatoi per produrre tutto il materiale rotabile e non solo binari. Per quanto attiene il forno elettrico dobbiamo essere noi operai a dire no alla sua costruzione a fianco della città, in futuro dovrà essere costruito lontano dalla città e comunque in modo da non impattare negativamente sull’ambiente e sulla salute delle persone. Oggi chiediamo a tutti i comitati Comitato Salute Pubblica, La Piazza, Gazebo 8 Giugno e Liberi Insieme per la Salute di essere presenti il 19 per portare all’interno di questa manifestazione, oltre tali obbiettivi, il loro sostegno alla lotta per il rilancio di uno stabilimento moderno ed ecocompatibile e così potere garantire migliaia di posti di lavoro”.

“Siamo coscienti che il Governo e le Istituzioni vorrebbero continuare ad ignorarci. Solo lottando insieme città e fabbrica riusciremo a vincere le nostre battaglie per un futuro diverso. Basta dunque inutili passeggiate e passerelle non più all’altezza della situazione attuale! Chiediamo, a partire dal 19 Luglio, di organizzare vere lotte, anche con azioni eclatanti che costringono il Governo ad ascoltare gli operai e tutta la città! Se continueranno manifestazioni prive di contenuti ed incisività dovremo valutare in futuro il senso della nostra partecipazione”, hanno concluso.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno