Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:18 METEO:PIOMBINO11°18°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
venerdì 23 aprile 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Ornella Vanoni: «A Draghi dedicherei ‘Domani è un altro giorno'» e canta in diretta tv

Lavoro giovedì 25 febbraio 2021 ore 10:21

Strada 398, sul tracciato parla l’Opposizione Cgil

Una risposta al segretario Fiom Cgil David Romagnani che ha espresso dei dubbi sul nuovo tracciato individuato da Comune e Autorità portuale



PIOMBINO — “Leggiamo che il segretario generale Fiom-Cgil Livorno esprime valutazioni importanti sugli assetti territoriali e il futuro della produzione di acciaio e delle lavorazioni connesse a Piombino. Il Segretario generale si rammarica del tracciato recentemente individuato dalla Autorità portuale e dall'Amministrazione comunale di Piombino per la 398 fino al porto, perché esso taglierebbe fuori il Treno rotaie-TPP dal resto dello stabilimento dove ci aspettiamo sorga la nuova acciaieria. Ad ogni buon conto, ricordiamo che la precedente variante Aferpi prevede un tracciato della 398 a ridosso delle abitazioni delle famiglie del Cotone Poggetto, tornando a contrapporre industria e città a vantaggio degli interessi aziendali”.

Così l'Opposizione Cgil entra nel merito della questione e sottolinea, rispondendo al segretario David Romagnani che l'attuale Tpp è un impianto obsoleto, oggettivamente in dismissione, e ritiene che esso debba essere ricostruito ex novo lontano dalla città, come pure i forni elettrici promessi.

“L'azienda non ci sembra tanto indolente quanto totalmente inadempiente: solo l'intervento dello Stato con almeno il 51% della proprietà e un credibile piano nazionale della siderurgia possono aprire una prospettiva duratura alle acciaierie in termini di produzione pulita di alta qualità. - hanno aggiunto dall’Opposizione Cgil - Questo è un terreno di confronto e unità dei lavoratori con la popolazione. Senza questa unità fra lavoro e ambiente, cresce il rischio per i posti di lavoro, come dimostrano le vicende passate della Farmoplant di Massa Carrara e quelle recentissime dell'Ilva di Taranto”.

“Anche queste sono questioni da portare sul tavolo del Mise, il quale pure va riconquistato con la mobilitazione e la ricerca di convergenze fra operai e cittadinanza, per il diritto al lavoro, i diritti nel lavoro, per la salute e la qualità della vita di tutti”, hanno concluso.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Da domenica 25 Aprile dall'incrocio con Viale Amendola fino a via Salivoli la strada sarà chiusa al traffico veicolare
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Attualità