QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 17° 
Domani 11°16° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
giovedì 14 novembre 2019

Politica domenica 20 ottobre 2019 ore 10:04

E' scontro tra i sindaci dopo l'assemblea Asiu

La posizione dei sindaci di Campiglia, San Vincenzo e Sassetta rispetto all'assemblea dei soci Asiu e in vista della conferenza dei servizi del 22



SAN VINCENZO — A seguito dell'intervento del sindaco di Piombino dopo l'assemblea dei soci Asiu, i sindaci di Campiglia e San Vincenzo sono intervenuti per puntualizzare la loro posizione. Al centro a discussione sulla modifica al Piano industriale di Rimateria (leggi qui l'articolo correlato).

"Tale proposta non è stata avanzata dal Comune di Piombino il cui rappresentante sindaco ha formalmente e praticamente delegato all’organo tecnico predisposto alla Via ogni decisione in tal senso. - hanno riferito in una nota i sindaci Alberta Ticciati e Alessandro Bandini - Nel corso dell’assemblea il sindaco Ferrari ha giustamente più volte sottolineato che la conferenza dei servizi è un organo meramente tecnico, deputato quindi ad esprimere un parere che non ha niente di politico. Ci si chiede, quindi, il motivo per cui organizza 2 pullman e sollecita la folla per creare pressione sui tecnici della regione se non quella di portare avanti una campagna elettorale che non ha mai fine, tutta mirata alla pancia degli elettori". 

Martedì 22 ottobre in Regione anche i comuni di San Vincenzo e Campiglia Marittima saranno presenti a Firenze alla conferenza dei servizi "ma non certo per esercitare alcun tipo di pressione mediatica - hanno commentato - bensì per testimoniare attraverso la presenza dei sindaci l'importanza del coinvolgimento di tutto il territorio della Val di Cornia in un processo così importante e delicato come la messa in sicurezza della LI53".

"Teniamo, inoltre, a sottolineare - hanno aggiunto - che contrariamente a quanto da lui affermato in assemblea, egli ha sostenuto in consiglio comunale di parlare a nome di tutti i sindaci. Sia chiaro che il sindaco Ferrari rappresenta la sua e sua soltanto posizione e non certo quella di Asiu o quella degli altri comuni. I rappresentanti soci dei Comuni di Campiglia, San Vincenzo e Sassetta hanno evidenziato le responsabilità civili e penali, degli enti e delle persone, insite in una scelta unilaterale di modifica del Piano Industriale vigente soprattutto in ragione di un decreto del ministero dell’ambiente (risalente al maggio 2014) che obbliga RiMateria ad effettuare la messa in sicurezza permanente dell’area in questione nonché alla rimozione dei cumuli ad essa sovrastante".

"Per questi ed altri motivi, ferma rimanendo la totale fiducia nell’organo tecnico che dovrà esprimersi rispetto alla Via richiesta sulla LI53, nonché delle decine di soggetti competenti a rilasciare pareri formali, i rappresentanti dei Comuni di cui sopra hanno evidenziato la loro ferma contrarietà a decisioni strumentalmente politiche e lontane da qualsiasi visione alternativa di RiMateria, nata come strumento per bonificare le aree industriali e di discarica, per investire in riciclo di materiali e consentire a questo territorio di lavorare ad un nuovo modello di sviluppo, davvero bonificando e sanando un’area e non solo millantandolo ai fini di un mero consenso elettorale".



Tag

Venezia, le immagini aeree di Pellestrina invasa dall'acqua

Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Politica

Attualità

Attualità