QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 25°26° 
Domani 24°26° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
lunedì 26 agosto 2019

Attualità martedì 27 giugno 2017 ore 10:00

Pulizia obbligatoria delle aree incolte

Foto di archivio

Chiesta anche la potatura degli alberi nei terreni confinanti con la linea ferroviaria. Ecco le ordinanze emesse dal Comune sanvincenzino



SAN VINCENZO — È entrata in vigore l’ordinanza che obbliga i proprietari o i conduttori dei terreni destinati a qualsiasi uso, ad effettuare, a propria cura e spese, interventi di pulizia per tutelare l’igiene pubblico, per non creare pericolo alla circolazione stradale e per evitare rischi di incendio.

Nelle aree private, come per esempio terreni, giardini e cortili, dovrà essere effettuato il taglio dell’erba e della vegetazione in genere, la rimozione dei residui di sfalcio e rifiuti vari, avendo cura di rimuovere ogni elemento o condizione che possa rappresentare pericolo per l’incolumità e l’igiene pubblica. Prevista anche la rimozione di sterpaglie e cespugli anche lungo tutto il fronte degli stabili, se si tratta di fabbricati, e lungo i relativi muri di cinta per tutta la loro lunghezza e altezza, al fine di garantire il decoro e la salubrità del centro abitato e degli edifici. Dovranno, inoltre, essere regolate le siepi, tagliati i rami delle alberature e delle piante con rimozione dei residui di sfalcio, nonché dei rifiuti vari, nelle aree private site nelle vicinanze di abitazioni, ed in particolare nelle aree prospicenti strade ed aree pubbliche o di uso pubblico, a tutela della viabilità.

Chi non rispetterà le indicazioni dell'ordinanza potrà ricevere una sanziona da 25 a 500 euro per la mancata pulizia delle aree incolte, da 169 a 679 nel caso di aree incolte che danno sulla strada. Per la mancata pulizia da rifiuti vari delle aree incolte, sarà applicata una sanzione pecuniaria da 300 a 3.000 euro e, in caso di abbandono di rifiuti pericolosi, la sanzione sarà aumentata fino al doppio della cifra.

Parallelamente è stata pubblicata un'altra ordinanza che obbliga i proprietari dei terreni confinanti con la linea ferroviaria nel Comune di San Vincenzo a provvedere al taglio di rami ed alberi che possano, in caso di caduta, interferire con il transito dei treni. Del resto, come ricorda il Comune, la normativa vigente vieta che lungo i tracciati ferroviari si facciano piante e siepi o si costruiscano muri e steccati a una distanza minore di sei metri dalla rotaia più vicina.



Tag

Fivizzano, Steinmeier in italiano: «Difficile per un tedesco venire qui a parlarvi»

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Lavoro

Attualità

Politica