Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:18 METEO:PIOMBINO10°14°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
sabato 27 febbraio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Antartide, un enorme iceberg (grande come Roma) si è spezzato in due

Attualità venerdì 24 maggio 2019 ore 11:58

La lente del Wwf su promontorio e aree Sic

Entrambe le aree sono Sic, ovvero Siti di interesse comunitario, che richiederebbero misure particolari per la tutela e la valorizzazione



VAL DI CORNIA — Il vicepresidente del Wwf Livorno, Stefano Gualerci, pone l'accento sui Sic della Val di Cornia facenti parte della Rete Natura 2000: il promontorio di Piombino e Monte Calvi di Campiglia Marittima. Queste sono aree tutelate dalla Direttiva Habitat ed Uccelli, a livello di Comunità Europea ma nei fatti "sono state dimenticate per anni da chi dovrebbe occuparsi della cosa pubblica e lasciate in balia della caccia selvaggia, del taglio del bosco scriteriato, del becero vandalismo e dell'incuria in generale". 

"Per esempio, - ha spiegato Gualerci - il Sic di Monte Calvi, più di 1000 Ha, è assediato dalle attuali coltivazioni di cava, nonché da malsani progetti di loro espansione e riapertura di future piccole cave sul versante castagnetano. Inoltre, a causa dei limitati controlli, rischiano di farla da padrone quelli che si spacciano per cacciatori ma che dovrebbero essere annoverati in tutt'altra categoria. Basta fare un giro per il bosco e contare gli appostamenti abusivi, denominati trampolini. Inoltre è facile imbattersi in resti di fuochi dove vengono bruciate cartucce ed altri rifiuti; nonché il luogo subisce anche il rumore dei fuoristradisti della domenica e di chiunque frequenti quei luoghi con scarso amore. Infine, ma non ultimo, il taglio spesso selvaggio e con scarso criterio del manto arboreo. Il tutto a danno della collettività e del vicino parco archeominerario di San Silvestro. Stesso destino sta attraversando il bellissimo promontorio di Piombino, - ha aggiunto - troppo spesso negli ultimi anni al centro di frizioni tra la proprietà privata e le associazioni venatorie. A testimoniare questo, per entrambi i Sic, associazioni e guide ambientaliste, che hanno seri problemi a proporre trekking in autunno. E' pur vero che il promontorio è in buona parte una proprietà privata, ma la tutela che cala su di esso a livello Europeo lo rende sempre di più un bene comune e non un cortile condominiale".

Per questo il rappresentante Wwf offre la collaborazione dell'associazione per migliorare la sentieristica e valorizzare il turismo destagionalizzato, ma soprattutto aprire un confronto con le Amministrazioni e le altre associazioni.

"Queste aree sono importanti per la tutela di ambienti e specie rare. - hanno concluso - Servirebbe, quindi un progetto/programma di valorizzazione e tutela che veda capofila le Istituzioni, che ripetiamo hanno l'obbligo di tutelare il bene comune, e che coinvolga seriamente tutte la realtà associative interessate al bene del territorio senza secondi fini".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità

Attualità