Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:49 METEO:PIOMBINO18°20°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
sabato 23 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Quota 100, Draghi: «Non sarà rinnovata e puntiamo a un graduale ritorno alla normalità»

Politica giovedì 23 aprile 2020 ore 18:04

"L'Asl ha agito in modo non trasparente"

Operatori sanitari (Foto di repertorio)

E' Campiglia Comune a intervenire in merito al cambio di progetto per il centro di riabilitazione post Covid a Campiglia



CAMPIGLIA MARITTIMA — "La vicenda del centro di riabilitazione di Campiglia ci pone davanti a una situazione di totale mancanza di rispetto verso i cittadini, i lavoratori e le Istituzioni locali. Il progetto iniziale è stato completamente stravolto, e ciò è avvenuto nel più completo silenzio, celato da emergenza e urgenza". Il commento del gruppo consiliare Campiglia Comune commentando quanto accaduto rispetto al cambio progetto per il centro di riabilitazione (leggi qui sotto gli articoli collegati).

"La circostanza ci pare francamente inaccettabile. - hanno aggiunto in una nota - Il progetto, partito il 6 Aprile scorso, prevedeva il ricovero di pazienti negativizzati Covid-19 nella struttura di riabilitazione di Campiglia, una delle pochissime strutture che si sarebbe dovuta occupare della riabilitazione di chi esce dal percorso di cura della terapia intensiva a seguito di doppio tampone negativo. Tuttavia vi sono stati ricoverati due pazienti positivi all’insaputa dell’amministrazione".

"Nonostante la struttura e ciò che avviene al suo interno siano di esclusiva responsabilità dell’azienda sanitaria, Campiglia Comune ritiene che la Asl abbia agito in modo non trasparente, non curandosi minimamente né del parere di chi amministra i nostri territori, né della Società della Salute delle Valli Etrusche che ricordiamo essere un organismo voluto e costituito dalla Regione per condividere con l’Azienda Sanitaria le scelte strategiche e politiche legate alla sanità pubblica sui territori. - hanno aggiunto - Riteniamo che la pianificazione di un progetto di tale importanza avrebbe dovuto avvenire fin dal principio in un’ottica di correttezza e condivisione".

"Anche se l'amministrazione non ha di fatto voce in capitolo sul tema, non sfugge che è il sindaco che deve risponde alla cittadinanza. I due pazienti positivi, proprio dietro espressa richiesta della sindaca Ticciati, sono stati trasferiti in una struttura più adeguata a Cecina, ma subito dopo l'Asl ha comunicato l'intenzione di suddividere la struttura di Campiglia in due aree, una per i pazienti negativizzati Covid come da progetto originario, l'altra per pazienti non necessariamente con doppio tampone negativo, assicurando che saranno presenti tutte le condizioni di sicurezza e affidabilità sia per gli operatori che per i pazienti. Ci domandiamo il perché di queste continue e repentine inversioni di rotta e se l’intenzione è stata fin dall’inizio quella di ospitare pazienti positivi, perché la cosa sia stata taciuta. In quanto rappresentanti dei cittadini pretendiamo risposte. Vogliamo inoltre sapere quali siano le prospettive future per il centro, sia in merito ai servizi eliminati dal distretto, sia per la Rsa".

Campiglia Comune esprime la propria solidarietà alla sindaca Alberta Ticciati e a tutta l’amministrazione e ne sostiene gli sforzi che insieme alla Società della Salute sta facendo per portare avanti le istanze del proprio territorio.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Complessivamente saranno 16 le colonnine in 8 diverse postazioni da Riotorto a Salivoli grazie all’intesa tra Comune ed Enel X
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità