Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:18 METEO:PIOMBINO15°25°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
martedì 21 settembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
iPhone 13, recensione video

Attualità sabato 09 maggio 2020 ore 18:00

Pazienti Covid a Campiglia, interviene Casani

Maria Letizia Casani

Per il direttore generale dell'Azienda Usl Toscana Nord Ovest in atto aggiustamenti organizzativi per il centro di riabilitazione a Campiglia



CAMPIGLIA MARITTIMA — “Il centro di Campiglia non è stato trasformato in cod.56, ma rimane una struttura ex-art. 26, il fatto che all’interno vengano accolti pazienti Covid positivi non ne determina la trasformazione", parole di Maria Letizia Casani, direttore generale dell'Azienda Usl Toscana Nord Ovest, in merito all’organizzazione del Centro di Riabilitazione di Campiglia Marittima.

La struttura inizialmente doveva ospitare solo pazienti negativizzati Covid-19 che avevano bisogno di riabilitazione, ora è previsto la divisione della struttura in due parti affinché in una possano essere ricoverati pazienti ancora positivi (leggi qui sotto gli articoli collegati). Da lunedì dovrebbero iniziare i primi ricoveri.

Le parole della Casani sono in risposta alle dichiarazioni rilasciate al quotidiano Il Tirreno dalla sindaca di Campiglia Alberta Ticciati che fa sapere di non aver ricevuto comunicazioni ufficiali.

“Leggo sulla stampa di oggi che il comune di Campiglia non ha ricevuto comunicazioni ufficiali sul Centro di Riabilitazione, mentre la lettera è stata inviata il 7 Maggio, così come è stato inviato, anche ai sindacati, il verbale dell’incontro del 30 Aprile scorso. - ha proseguito Casani - E’ bene anche ricordare che l’Azienda ha provveduto ad aumentare la dotazione organica di infermieri, tecnici e medici e che tutti sono stati regolarmente formati e addestrati, per oltre un mese, grazie alla supervisione di operatori esperti nell’impiego dei Dpi. Ciò è dimostrato dal fatto che, nonostante i pazienti attualmente ricoverati siano negativizzati, gli operatori hanno avuto a disposizione ed hanno utilizzato tutto ciò che è necessario per l'approccio ai Covid positivi. Ancora, la riorganizzazione del centro di Campiglia ha avuto l'avvallo dall'Unità di Crisi, dal Rischio Clinico, dalla Qualità e Accreditamento e dal Servizio di Prevenzione e Protezione aziendali”.

“Confermo inoltre che, come è riportato chiaramente nel verbale dell’ultimo incontro, saranno rapidamente ripristinati tutti i servizi distrettuali, attualmente reindirizzati su Venturina, e rinnovo l’impegno a reperire una sede idonea per la ricollocazione dei servizi distrettuali e a supportare concretamente, in collaborazione con la Società della Salute, lo sviluppo della riabilitazione di Campiglia, come si evince dalla proposta avanzata dal direttore sanitario esplicitata nel verbale dell’incontro inviato al Sindaco e ai sindacati”.

“E’ importante chiarire - ha aggiunto Casani - quale è stata la motivazione tecnica che ci ha portato a mettere in atto questa scelta. La pandemia da Covid-19 rappresenta un’emergenza senza uguali, che ci costringe quotidianamente a mettere in atto aggiustamenti organizzativi, imposti dalle nuove acquisizioni scientifiche. Quando l’Unità di Crisi progettò il percorso riabilitativo dei pazienti Covid-19, si presupponeva che la durata del ricovero ospedaliero fosse sufficiente per la loro negativizzazione. Per questo, nella prima ipotesi redatta, si diceva che, fra le varie caratteristiche cliniche per l’ammissione dei pazienti a Campiglia, vi era anche la presenza di un doppio tampone negativo. Tale presupposto è stato però smentito dalle conoscenze scientifiche successive: il doppio tampone negativo non dà certezza né della guarigione del paziente (spesso osserviamo false negativizzazioni), né della fine della sua contagiosità (il virus resta nelle feci, nelle urine e nell’espettorato bronchiale), ma soprattutto abbiamo appreso che la positività può durare ben oltre i 14 giorni cui si faceva riferimento inizialmente".

E conclude: "Chiudo con la certezza che tutta la comunità delle Valli Etrusche sarà orgogliosa di dimostrare solidarietà e accoglienza a quei malati dimessi, dopo lunghi periodi di ricovero, bisognosi di ulteriore e specifica assistenza e sono pienamente convinta che il Centro di Campiglia, una delle poche strutture pubbliche di riabilitazione extraospedaliera della Toscana, in questa emergenza debba fare la sua parte”. 

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Superata la naturale scadenza del 30 Settembre. Il sindaco Ferrari: “Il nostro impegno per allungare la stagione turistica”
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nausica Manzi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità

Attualità