Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:11 METEO:PIOMBINO17°34°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
domenica 14 luglio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Soccorsi e forze di polizia sul luogo dell'attentato in cui hanno perso la vita diverse persone a Lautlingen, in Germania
Soccorsi e forze di polizia sul luogo dell'attentato in cui hanno perso la vita diverse persone a Lautlingen, in Germania

Attualità lunedì 04 dicembre 2023 ore 18:00

Discarica, il comune fa il punto

“Continueremo ad adottare ogni azione possibile per ostacolare la modifica della Via e altre proposte contro quanto i cittadini hanno scelto”



PIOMBINO — Nuovo step nel percorso relativo al destino della discarica di Ischia di Crociano a Piombino.

“Un ricorso si è concluso positivamente per Piombino, mentre un altro si è arricchito di ulteriori motivi aggiunti”, a spiegarlo è il Comune in una nota. Il primo è il ricorso presentato dalla società Rimateria, allora gestore della discarica, contro la decisione del Comune di Piombino di riconoscere Colmata e Montegemoli come centro abitato. Quell’atto aveva già costretto la Regione Toscana a rilasciare una Via parziale, solo per una parte dei volumi di discarica aggiuntivi richiesti da Rimateria. Ad oggi, quel ricorso non è stato riassunto, pertanto, la vicenda si è conclusa con la conferma della delibera della Giunta comunale.

“Il riconoscimento del centro abitato era uno dei cardini della nostra azione contro l’aumento dei volumi di discarica - ha spiegato il sindaco Francesco Ferrari - e l’esito di questo ricorso è la conferma della correttezza del percorso che abbiamo intrapreso allora e che stiamo continuando a portare avanti. Già il rilascio della Via per solo una parte degli spazi richiesti fu una piccola vittoria ma la conferma del nostro atto al Tar è un tassello importantissimo di una battaglia che non è ancora finita”.

Una decisione, quella del Tar Toscana, che chiude una partita mentre ce n’è un’altra che è ancora nel vivo. Infatti, il Comune ha presentato dei motivi aggiunti al ricorso contro l’Agenzia del Demanio che ha consentito l’utilizzo delle aree su cui insiste l’impianto nonostante la concessione sia scaduta a fine settembre.

“La decisione del Demanio è arbitraria - ha continuato il sindaco - ed è assurdo che l’azienda da due mesi continui ad occupare quegli spazi senza una proroga o una gara che abbia affidato nuovamente quelle aree. L’Agenzia del Demanio e la Regione Toscana si nascondono l’una dietro gli atti dell’altra con il chiaro obiettivo di arrivare alla modifica della Via del 2019 rimuovendo le prescrizioni sulla tipologia di rifiuti conferibili. In questi oltre quattro anni, non un metro cubo in più è stato autorizzato e sono convinto che parte del merito sia dell’impegno e della coerenza che abbiamo avuto nel contrastare un progetto dannoso per la città. Come è sempre stato finora, continueremo ad adottare ogni azione possibile per ostacolare la modifica della Via e ogni altra proposta che andrà contro quanto i cittadini hanno chiaramente scelto per il futuro di Piombino”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno