Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:18 METEO:PIOMBINO18°25°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
lunedì 27 settembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Francia, Macron colpito da un uovo a Lione: contestatore centra il presidente

Attualità giovedì 01 luglio 2021 ore 07:53

Punto nascita, dopo 2 anni tutti chiedono risposte

Lasciateci nascere a Piombino: "Di politici che sfilano ne abbiamo fin sopra i capelli". Il comitato che ha dato vita al presidio risponde



PIOMBINO — Sono trascorsi 2 anni dal giorno in cui è stato chiuso il Punto nascita dell'ospedale Villamarina a Piombino prevedendo i parti presso il reparto dell'ospedale di Cecina nell'ambito delle Valli Etrusche. 

A ricordarlo è il comitato Lasciateci nascere a Piombino che continua nella sua opera di sensibilizzazione e richiesta di una operazione risolutiva pur non partecipando al presidio permanente allestito nelle scorse settimane all'ingresso dell'ospedale.

"Siamo rimaste a lungo in silenzio. Abbiamo osservato. - si legge in un post pubblicato su Facebook - La nostra storia è chiara a chi negli ultimi anni ci ha seguite. Ed è nel rispetto di queste persone che ci sembra giusto chiarire la nostra posizione. Lasciateci nascere a Piombino è un comitato. Un comitato, secondo noi, ha senso di esistere se è apartitico. Se è servo della politica no. Questa è la ragione per cui non ci avete viste a fianco di Ferrari. Ci siamo confrontate spesso con il sindaco. L'ultima volta, molto di recente. Ma non abbiamo condiviso il presidio sotto Villamarina. Di politici che sfilano e ci riempiono di belle parole, scusateci, ne abbiamo fin sopra i capelli. Denunciamo le condizioni dell'ospedale e avevamo anticipato la chiusura del Punto nascita da anni. L'Asl e la politica sono stati incommentabili". 

Intanto la notizia della chiusura del servizio cure intermedie Covid a Villamarina che aveva reso necessario il trasferimento dell'ospedale di comunità proprio nel reparto del punto nascita potrebbe riaprire un nuovo capitolo. Anche se la cronica mancanza di ginecologi e pediatri non rende semplice il percorso. 

Chiamato in causa, il Comitato in difesa di Villamarina ha risposto ricordando il presidio portato avanti ininterrottamente per 133 giorni "ottenendo come risultato concreto quello di riuscire ad accendere un faro, anche a livello nazionale, sulla drammatica situazione di Villamarina. Per questo - hanno proseguito - leggendo le ragioni del comitato Lasciateci nascere a Piombino il quale, nel fare il necrologio del Punto nascita, chiuso ormai due anni fa, evidenzia che 'siamo un comitato, che secondo noi ha senso di esistere se è apartitico, non se si fa servo della politica' non lo comprendiamo, perché i comitati di scopo si dividono solo tra quelli che raggiungono il risultato sperato e quelli che non ci riescono. Non disturbare troppo il manovratore, o il potente di turno, su un bene comune come l’ospedale cittadino che in quanto tale è di tutti, potrebbe essere vista come una scelta politica. Difendere l’ospedale di Piombino dalla sua chiusura, o peggio dal trasformarlo in una scatola vuota, che è peggio della chiusura stessa, è l’unico scopo del nostro comitato. Per questo continueremo comunque ad invitare sempre tutta la popolazione alle nostre iniziative".

I riflettori sull'ospedale Villamarina erano e restano accesi. Dopo il comunicato dell'assessore regionale alla Sanità Simone Bezzini in cui illustrava i progetti per gli ospedali Valli Etrusche di Cecina e Piombino (leggi qui l'articolo collegato), non ci sono state sostanziali novità e su cui chiedono lumi consiglieri regionali e comunali attraverso diverse interrogazioni e mozioni. Recente l'incontro tra il sindaco Francesco Ferrari e l'assessore regionale (leggi qui l'articolo collegato), mentre posticipata al 14 Luglio la videoconferenza tra l'assessore regionale e il Comitato in difesa dell'ospedale. In previsione di quell’incontro, ha fatto sapere il Comitato per la difesa dell'ospedale Villamarina, lunedì 12 Luglio alle 21 sarà organizzata un’assemblea aperta alla quale sono invitati tutti i cittadini, le associazioni, i sindacati e i comitati interessati al tema.

Dina Maria Laurenzi
© Riproduzione riservata

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Su #tuttoPIOMBINO di QUInews Valdicornia "La città vecchia" di Gordiano Lupi. Foto di Riccardo Marchionni
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Politica

Cultura