Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:53 METEO:PIOMBINO12°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
lunedì 28 novembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Intervista con Curcio (Protezione civile): «In Italia censite 625 mila frane, l'evento di Ischia difficile da prevedere»

RIGASSIFICATORE domenica 04 settembre 2022 ore 19:14

Progetto Piombino, "rigassificatore è una parte"

Golar Tundra

Aumentano i firmatari del patto per un rilancio economico del territorio che passa anche dal rigassificatore nel porto di Piombino



PIOMBINO — Tra rinunce e nuove adesioni sono 55 i firmatari dell'Appello per il lavoro e lo sviluppo a Piombino.

"Il rischio è quello di un territorio sempre più povero e marginalizzato. - si legge nel documento - Un’economia asfittica e composta da redditi non produttivi e con un territorio ampiamente compromesso da oltre un secolo di siderurgia, sono elementi che non possono essere sottovalutati, e che, in realtà devono essere affrontati con ampia visione e determinazione. In questo ambito, Piombino ha un incredibile bisogno di investimenti importanti che rendano produttivi i circa 700 ettari di territorio industriale, riattivando un sistema economico territoriale che crei nuovi posti di lavoro".

Ciò alla luce dei dati evidenziati: 1.289 posti di lavoro persi e 153 imprese dismesse, molti redditi provenienti da cassa integrazione e il 39% da pensione. 

"Non possiamo non prendere atto della grave crisi energetica che sta mettendo in seria difficoltà l’intero sistema produttivo nazionale ed europeo, oltre alle stesse famiglie; circostanza che rende il rigassificatore di Piombino un’infrastruttura strategica in materia di sicurezza nazionale. - hanno aggiunto - Questa non secondaria circostanza pone Piombino al centro dell’agenda politica nazionale, attuale e futura, con una forza senza precedenti, tale da poter ottenere un Progetto Piombino complessivo per il rilancio del territorio, in cui il rigassificatore può essere una parte".

Si parla dunque di "un Decreto Piombino che, con l’attribuzione di poteri commissariali, rappresenterebbe una svolta rispetto al recente passato".

"Chiediamo il massimo rigore nella valutazione del progetto del rigassificatore da parte degli enti coinvolti, che debbono procedere con gli approfondimenti necessari previsti in materia di sicurezza, di tutela dell’ambiente e di verifica delle compatibilità con altre attività già presenti sul territorio, in particolare con la logistica e le attività portuali. - - hanno concluso - La svolta autentica del territorio può davvero, oggi più che mai, essere a portata di mano; ovviamente dipenderà dalle scelte e dagli impegni che saranno assunti".

L'appello, ricordiamo, in un primo momento era stato firmato da 51 persone, tra esponenti Pd e di Italia Viva, del territorio di Piombino e della Val di Cornia (leggi qui l'articolo collegato).

“Un progetto - si legge nel documento - che riguardi le emergenze storiche di questo territorio: dalla strada di accesso, alla bonifica della centrale Enel e del Sin, allo sviluppo ulteriore della logistica portuale, ad un ampio progetto per le energie rinnovabili con l’obiettivo di creare le condizioni per il rilancio del polo industriale e del sistema delle imprese locali, anche con tariffe agevolate sul gas”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Su #tuttoPIOMBINO di QUInews Valdicornia Gordiano Lupi tratteggia il caso partendo da La Camera del Lavoro di Piombino, Elba e Maremma del 1907
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Alfredo De Girolamo e Enrico Catassi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

RIGASSIFICATORE

Attualità

Attualità

Attualità