comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 23°25° 
Domani 23°28° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
sabato 11 luglio 2020
corriere tv
Venezia, il test del Mose visto dall'elicottero della polizia

Lavoro venerdì 02 marzo 2018 ore 17:00

Magona, andata e ritorno al Mise

Uno scatto dell'incontro al Mise (Foto: Massimo Giuliani su Facebook)

Riconosciuto il legame tra il futuro della Magona e quello dell'Ilva di Taranto. Dopo il primo tavolo al Mise con ArcelorMittal, nuova data con Arvedi



PIOMBINO — Voltata pagina per la questione dell'acciaieria piombinese, al Ministero dello Sviluppo economico si apre un nuovo percorso per le sorti della Magona

Oggi al Mise si è tenuto l'incontro tra il ministro Carlo Calenda, le organizzazioni sindacali, i rappresentanti di ArcelorMittal, il sindaco Massimo Giuliani e il consigliere per il lavoro Gianfranco Simoncini per la Regione Toscana.

Le organizzazioni sindacali hanno sottolineato l'inaccettabilità del preliminare di accordo tra ArcelorMittal e Arvedi che prevede il passaggio dello stabilimento fatta eccezione della linea di verniciatura 2 che nell'arco di un anno verrà trasferita a Genova compresi i 60 lavoratori (leggi l'articolo correlato qui sotto).

"Le organizzazioni sindacali hanno richiesto che il problema pendente su Magona si risolva un minuto prima o parallelamente alla soluzione del problema Ilva di Taranto", si legge in una nota di Fim, Fiom e Uilm provinciali.

"L’azienda dal canto suo ha teso a rivendicare la necessità dell’impianto del preliminare siglato con Arvedi. - hanno proseguito -
Il Governo ha riconosciuto che la questione posta dello stabilimento Magona sta dentro la soluzione del problema di Taranto Ilva e che ritiene opportuno riconvocare il tavolo alla presenza di Arvedi per la discussione del loro piano industriale".

Un nuovo incontro al Mise è già in programma per verificare se ci possano essere soluzioni.

"I nostri lavoratori e sindacati hanno rappresentato in maniera chiara e ferma le ragioni sociali, industriali e tecniche per cui non è accettabile che la vicenda Taranto passi sopra i lavoratori di Piombino e la bontà dell'assetto della nostra fabbrica. - ha detto il sindaco Massimo Giuliani - Il Ministro è stato come sempre ineccepibile. Indicando la necessità di riconvocare un tavolo nei primi giorni della settimana questa volta con Arvedi. Spingendosi a dire che il Governo potrebbe anche valutare la possibilità di sostenere investimenti per realizzare un nuovo reparto di verniciatura a Piombino".

In ballo il trasferimento di 60 lavoratori altamente specializzati della fabbrica piombinese e la questione industriale da tutelare



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Cultura

Attualità

Politica